TORGNON: PER AMATEUR E BUONGUSTAI

08-07-2020

Tra qualche giorno il grande sipario verde di Torgnon si aprirà, prima all’endurance ed a seguire, alla regina delle discipline equestri olimpiche, il salto ostacoli.

Nel titolo citiamo la parola “amatori” in quanto nella fattispecie, la gara di endurance è davvero una qualcosa per amatori veri, per buongustai.
Negli ultimi giorni sono arrivate dai cugini francesi, richieste di partecipazione alla gara di Torgnon in qualità di “amatori”; in Francia esiste da sempre la categoria “amateur” ovvero quelli che corrono per il piacere di farlo, per l’amore verso la disciplina più dura.
Amatore, da vocabolario Treccani, significa “chi si diletta in qualcosa, chi ama con passione ricercando“: mai come oggi, in un mondo impazzito a causa di una malattia subdola che sta colpendo milioni di persone, la parola “amateur” potrebbe essere una via di fuga quantomeno per scappare dal nemico che sta mettendo a dura prova la terra.
Amando la terra, la natura, scegliendo di percorrerla ed assaporarla per diletto con il proprio cavallo, mettendolo anche alla prova su lunghe distanze e salite difficili, l’uomo potrebbe riappropriarsi di quegli spazi che ogni giorno vengono erosi dalla fame di denaro e di potere.
L’endurance, quello bello, sta diventando sempre più un’occasione per evadere dalla routine, per godere la vita a 360° e Torgnon, da 23 anni, ha sempre rappresentato la strada giusta per farlo.
Alcuni binomi francesi presumibilmente saranno in start list a Torgnon, senza classifica o con ranking a parte, per il solo piacere di esserci, per il gusto di misurarsi, per terminare la gara nelle migliori condizioni possibili e per respirare, con polmoni ed occhi.
Forse la pandemia porterà qualcosa di buono almeno all’endurance?

A breve apriranno le iscrizioni per Torgnon sul sito www.t-tracksystem.com

Attachment