GENERALI ENDURANCE TEAM SCEGLIE “L’ARANCIONE” PER DARE SPERANZA

04-11-2020

Il prolifico Comitato Organizzatore toscano sceglie il colore arancione anziché il classico verde per infondere un po’ di speranza in questo difficile momento.
La gara di Arezzo si tinge di arancio, il colore che simboleggia l’equilibrio, l’ambizione e la saggezza.
L’arancio, che non ha nulla a che fare con i colori assegnati alle zone Covid d’Italia, che tra l’altro un giornale assegna ad una regione e l’altro smentisce, vuole comunicare che la chiave della gara di endurance è ben inserita nel cruscotto; appena il Governo farà chiarezza sul nuovo decreto, forse questa sera, girerà la chiave e la macchina organizzativa partirà.
L’equitazione è considerata alla stregua del calcio che non si ferma ma occorre buon senso, a prescindere dai dictat e dalle regole. Lo sport deve essere vissuto con serenità e piacere dunque, laddove ve ne fossero le possibilità, il C.O. di Arezzo è pronto ad organizzare l’evento a porte a chiuse blindando lo stesso al maledetto Covid.
Il rispetto per chi soffre in questo momento a causa della pandemia, per chi non riceve cure per altre patologie a causa del sovraffollamento degli ospedali, di chi ha perso un parente o un amico, è prioritario” – afferma Chiara Vivarelli O.M. di Arezzo Premio Allevamento – “se le condizioni lo consentiranno, stringendo ancora di più le maglie dei controlli, saremo pronti ad organizzare, vediamo cosa succede giorno per giorno“.

L.G.

Attachment